EMANUELE CALEFFI - ACQUA

PRESSO "FARMACIA SIVIERO" VIA MATTEOTTI COLORNO
DAL 8 OTTOBRE AL 7 NOVEMBRE

Buona luce a tutti, sono Emanuele Caleffi (classe 1973) e mi definisco da anni un fotografo compulsivo.
Dopo un lungo periodo a caccia solo di foto ricordo/turistiche, nel 2009 con l’acquisto della prima reflex digitale è emersa in me la necessità di esplorare la fotografia in ogni categoria e in ogni luogo possibile.
Mi caratterizza la passione per la natura, in particolare per la macro-fotografia, per l’avifauna, per la paesaggistica e per i corpi celesti.
Uso Nikon con fierezza e solo da poco sono passato a mirrorless con un continuo e lento aggiornamento della mia attrezzatura spingendo sempre la ricerca a risultati più professionali ed emozionanti. Mi diletto anche con il drone per cogliere visuali inattese cercando di sorprendere con ampi campi visivi spesso non conosciuti.
Il mio è un percorso decisamente anomalo, perché avendo alla base nozioni tecnico/storiche elementari ho deciso con impegno quotidiano e perseveranza di esplorare ogni ambito della fotografia con ogni tipologia di attrezzatura possibile, quasi esclusivamente da autodidatta.
Ho sempre trovato molto più utile e piacevole imparare sul campo (anche con migliaia di foto al giorno), magari assieme ad altri fotografi, piuttosto che studiare la teoria. Sento personalmente piacere a condividere con altri fotografi le mie esperienze, anche per apprezzare al meglio difficoltà e peculiarità di ogni ambientazione.
Sono convinto di aver allenato l’occhio a vedere ogni luce, ombra, attimo, espressione, ambiente, situazione necessaria per “congelare un istante emozionante”…ma non sono sazio di conoscenza ne di esperienza.
In questa particolare occasione ho raccolto le foto a me care che rappresentano L’ACQUA, l’essenzialità di un elemento così importante per ogni vivente la rende presente inconsciamente in tante occasioni fotografiche; nel contempo la gestione, raccolta, manipolazione dell’acqua e non ultima la carenza della stessa sono centri di attenzione per un fotografo e per l’osservatore finale.
Grazie, saluti. - Emanuele Caleffi - 20/07/2022