Colorno PhotoLife - Evento Fotografico

WORKSHOP

Il Festival Fotografico COLORNO PHOTO LIFE , si propone come un evento culturale che porta a contatto le diverse anime della fotografia, da quella fotoamatoriale a quella professionistica. I workshop proposti in questa edizione danno continuità al progetto intrapreso.

MONIKA BULAJ

LABORATORIO SUL FOTOREPORTAGE


sabato 4 e domenica 5 novembre max 12 partecipanti costo 230 €. Non conosco nessun metodo se non quello di mettersi ogni giorno in discussione, mettendo al centro della visione l’attenzione pura, quasi infantile, profondamente intuitiva, alla realtà. La fotografia è per me una questione di impegno, di pratica (la téchne dei greci, dunque, “l’arte” ma anche “il saper fare”), di meditazione, di sensibilità e di pazienza. Partiremo dalla base, dai punti cardinali dell’immagine: il Tempo e lo Spazio, in senso filosofico, visivo e tecnico. Parleremo di come ritagliare, inquadrare, selezionare il reale, quindi dello Sguardo, della soggettività. Il punto di riferimento nel nostro studio sarà l’analisi delle fotografie del vostro portfolio, dei maestri, e del mio lavoro. I vostri progetti personali saranno al centro dell’attenzione, per studiarne assieme la drammaturgia, la composizione, il ritmo, le sequenze, i contrappunti, la grafica. Cercheremo di individuare una partitura narrativa. Parleremo della verità e del mistero nella fotografia, che può essere illuminato forse solo attraverso voi stessi. Sarete fortemente incoraggiati a indagare sulla vostra percezione e sulla vostra sensibilità e a cercare all’interno di essa i possibili sviluppi. Lavoreremo sulla capacità di vedere la realtà senza trasformarla, senza influenzarla e senza mentire. Quindi, di conseguenza, parleremo anche dell’etica nel reportage, dell’onestà, e delle questioni morali della post-produzione. Ma anche dell’evoluzione del reportage nella storia dell’immagine, dell’indagine giornalistica e documentaristica, delle sue sfumature, trasformazioni e linguaggi. Rifletteremmo su come le scelte tecniche e intellettuali trasformano il linguaggio e il modo di raccontare la storia. Parleremo anche del legame del fotoreportage con la scrittura, il cinema, la poesia, il teatro, la narrativa. T e c n i c a Il workshop è aperto per tutti. Vi chiederei di portare i vostri lavori: una sola storia in 12 oppure 20 immagini. Vi chiederei di riflettere sulla sequenza con attenzione. Per visionare i vostri progetti occorrono: – le stampe analogiche per chi è in grado di portarle (p.es. lato lungo 36cm) oppure – le proiezioni digitali in formato jpg qualità 12, 250 pixel/pollice, lato lungo massimo 2000 pixel, massimo 7 MB, sulla chiavetta USB. Sono previste due uscite individuali per fotografare. Siete pregati di portare la vostra macchina fotografica e il vostro computer per fare l'editing del materiale realizzato durante il workshop.

ALEX LIVERANI

STREET PHOTOGRAPHY


ALEX LIVERANI DICE DI SE: Sono nato nel 1985 a Faenza, piccola cittadina della Romagna, ma attualmente vivo a Londra. Da ormai 10 anni ho la necessità di nutrirmi giornalmente di Fotografia. Sin da piccolo quest’arte mi ha appassionato ed interessato; nelle oramai lontane vacanze con la famiglia che hanno caratterizzato la mia adolescenza, mi impossessavo letteralmente della macchina fotografica per immortala qualsiasi cosa mi circondasse. E’ nata così in maniera spontanea un amore smisurato per la fotografia. Ho lavorato per diversi anni come fotografo in discoteca ed è lì che è nata la mia passione per le persone, per le loro abitudini e per le loro stravaganze. Adoro osservare gli esseri umani, immaginarmi chi siano e cosa facciano nella vita, mi piace prevedere i loro comportamenti e adoro risultare invisibile ai loro occhi finendo poi per scattargli una foto. Amo vagare per le strade alla ricerca di qualcosa che possa stupirmi, odio la staticità, la prevedibilità e l’assenza di emozioni all’interno delle immagini. Cerco di fare il possibile affinchè possa trasparire, nelle mie fotografie, questa necessità. Mi piace confrontarmi, accrescere le mie capacità e le mie conoscenze, condividendo con altri fotografi, amanti di questa stessa passione, le emozioni che trasmette la Street Photography. Ed è per questo che nel 2014 è nata l’idea di fondare il collettivo “Inquadra”.