..



COLORNOPHOTOLIFE 2024
dal 27 settembre al 10 novembre


Tema: TOTEM E TABU’

Il festival COLORNOPHOTOLIFE quest’anno arriva alla sua quindicesima edizione, mantenendo la sua prerogativa di fondere in un'unica manifestazione le radici e le nuove frontiere della fotografia da alcuni anni ha aggiunto momenti musicali e audiovisivi.

Questo continuo rinnovamento ha portato il festival ad essere uno dei più seguiti a livello nazionale, anche lo scorso anno è stato quello con maggior pubblico e partecipanti della manifestazione di lettura portfolio nazionale denominata “Portfolio Italia”, la più importante manifestazione di lettura portfolio a livello nazionale.
Ritorna il concorso di lettura per Fanzine READ-ZINE ideato e proposto da 3 anni dal COLORNOPHOTOLIFE.

Essendo un festival tematico il tema dell’edizione 2024 sarà “Totem e Tabù”, se per la collettività il Totem rappresenta ciò che viene esaltato, adorato, elevato alla massima evidenza, al contrario Tabù rappresenta ciò che deve essere occultato nella massima oscurità.

Entrambi assumono queste definizioni per attribuzione dogmatica, cioè senza ragioni logiche, è un processo collettivo che avviene “di pancia”. Proprio perché non sono animati dalla logica, la loro forza è impressionante nel dettare il comportamento collettivo che ovviamente procede, senza ragionevolezza, governato da credenze e pregiudizi.

In entrambi ha un ruolo decisivo l’immagine Simbolo che in alcuni casi diventa il Modello (da imitare).

Il Simbolo e il Modello conferiscono presenza concreta nella realtà sensibile a una determinata idea Totem e di Tabù. Attorno ad essi si aggregano i credenti (consapevoli e inconsapevoli) che sono osservanti delle regole di vita prescritte che indicano i valori e i disvalori, ciò che si deve fare e quel che non si deve fare.

Guardando aspetti generali è facile vedere queste caratteristiche nelle Religioni e nelle Ideologie. Osserviamo però che oggi scegliere un credo religioso o laico è un percorso consapevole che si compie leggendo e discutendo, come si faceva nella società moderna della seconda metà del ‘900. L’umanità di oggi ha attraversato la stagione postmoderna senza accorgersene, perdendo molta affezione per fedi e ideologie.

La manifestazione ha una fase laboratoriale di preparazione dei lavori collettivi che saranno esposti al festival, tramite incontri on line e workshop. Questa attività è costruita in collaborazione con il dipartimento cultura della FIAF, i risultati dei laboratori saranno esposti nell’ambito del festival Colornese nella sala Juventus di Colorno.

Le mostre ufficiali dei grandi autori saranno esposte nei locali storici del paese (MUPAC – ARANCIAIA – REGGIA), le mostre collaterali saranno esposte in altri luoghi del territorio parmense: Torrile (circolo il portico), San Polo (sede municipale), Collecchio (Museo Guatelli) e Montechiarugolo (sala espositiva municipale) hanno già aderito. Altri progetti minori saranno esposti negli spazi collettivi di Colorno: RSA, Scuola, Circolo anziani e altri locali commerciali.

Il festival inizia con un’attività estiva “Viaggi sotto le stelle” all’interno del parterre della Reggia, prosegue con presentazione editoriali all’interno del museo MUPAC fino ad arrivare al week end clou di fine settembre, quando verranno inaugurate le mostre fotografiche, i week end successivi saranno arricchiti con altre attività conferenziali, concerti musicali ed altre attività formative fino alla chiusura del festival che è programmata per il secondo week end di novembre.

Durante il periodo espositivo saranno organizzate visite guidate gratuite per gli studenti e per le comunità deboli del territorio.

Organizzazione: L’organizzazione della quindicesima edizione del Colornophotolife è a cura di un comitato composto dai consiglieri del GF Color’s Light, dal direttore del dipartimento Cultura Silvano Bicocchi con il supporto di figure professionali coordinate dal presidente del GF Color’s Light Gigi Montali.

Patrocini: Comune di Colorno, Comune di Torrile, Provincia di Parma e Regione Emilia Romagna

Collaborazioni: CSAC università di Parma, Archivio 3M, Il Fotografo, Viaggio Fotografico, TTA, OASIS, Istituto comprensivo di Colorno